Lista degli Artisti

Ernesto Morales

Foto Ernesto Morales

L'artista argentino Ernesto Morales nasce nel 1974 a Montevideo (Uruguay). Dopo un intenso periodo formativo trascorso a Buenos Aires, nel 1999 ottiene il titolo di Professore di Pittura e nel 2005 il Dottorato in Arti Visive presso l'Universidad de Bellas Artes. Dal 1999 insegna Pittura e Storia dell'Arte Latino-Americana presso l'Universidad de Buenos Aires, e svolge l'incarico di Direttore dell'Academia de Bellas Artes de Buenos Aires, fino al 2006 quando si trasferisce in Europa. Dopo un periodo iniziale a Parigi stabilisce il suo studio in Italia, prima a Roma, e dal 2011 a Torino. Il suo percorso artistico internazionale lo ha portato a realizzare mostre in Musei, Gallerie e Fiere d'arte in diversi Paesi, tra i quali Stati Uniti, Italia, Francia, Germania, Spagna, Ungheria, Cina, Singapore, Malesia, Tailandia, Argentina, Brasile, Messico e Uruguay. Tra il 2009 e il 2012 rappresenta istituzionalmente i Governi dell'Italia, dell'Argentina e dell'Uruguay con una serie d'importanti esposizioni personali realizzate in diversi Musei italiani e argentini. Dal 2013 realizza periodicamente delle mostre negli Stati Uniti e nel Sudest asiatico. Nel 2014 tiene un ciclo di importanti esposizioni a Singapore, a Bangkok e a Kuala Lumpur, e nel 2015 una grande esposizione personale a New York nelle sale del Consolato Generale della Repubblica Argentina. Al suo lavoro sono dedicati diversi volumi monografici tra i quali: "Il Tempo della Distanza" (Genova, 2010), "The invisible bridges" (Singapore, 2014), "Il giorno come la notte" (Torino, 2015), "Distance" (Milano, 2016), "Aurum" (Milano, 2017). Ernesto Morales vive e lavora a Torino.

Mostre personali:

2017
Aurum II, Lena & Roselli Gallery, Budapest (HU)
Icons, aA29 Project Room, Caserta (IT)
Aurum, Area35 Art Gallery, Milano (IT)

2016
Equinox, William Holman Gallery, New York (US)
Labyrinth, Gualberto Hernandez Contemporary Art, Greenwich (US)
Shadows, Paul Caddell Contemporary Art, New York (US)
Specchi, Associazione Culturale Areacreativa42, Torino (IT)
Distance, aA29 Project Room, Caserta (IT)
Herencia y mestizaje, Centro Cultural Borges, Buenos Aires (AR)

2015
Traces of memory, Consulate General of Argentina in New York, New York (US)
Il giorno come la notte, a cura di Karin Reisovà, Associazione Culturale Areacreativa42, Torino (IT)
Equinozio, Banca Generali, Associazione Culturale Areacreativa42, Torino (IT)
Astrolabio da viaggio, AICA Andrea Ingenito Contemporary Art, Milano (IT)

2014
Path towards the East, ArteExpo 2014, Kuala Lumpur (MY)
Invisible Bridges, Sabiana Paoli Art Gallery, Forme Art, Singapore (SG)
Oblivion, Studio Gebbia e Bortolotto, Associazione Culturale Areacreativa42, Torino (IT)

2013
Nebulose-Ut pictura poesis, a cura di Chiara Canali, Hernandez Art Gallery, Milano (IT)

Otherness, a cura di Massimo Sgroi, aA29 Project Room, Caserta (IT)
Il fantastico differente, a cura di Massimo Sgroi, L'Art Gallery, Parma (IT)

2012
En el bosque, Interno Ventidue Arte Contemporanea, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)

El otro, el mismo, a cura di Chiara Canali, Hernandez Art Gallery, Milano (IT)

En el sueño de Polifilo, testo critico di Roberto Mastroianni, Galleria Raffaella De Chirico Arte Contemporanea, Torino (IT)

Desde el tiempo, Espacio Ayala&Suarez, Buenos Aires (AR)

Mari migranti, a cura di Marzia Capannolo, Castello di Rapallo, Rapallo (IT)

2011
Vientos del exilio, per il Bicentenario della Repubblica dell'Uruguay, Istituto Cervantes, Roma (IT)
Il tempo della distanza, Galleria Russo-Asso di Quadri, Milano (IT)

Project room, Galleria Raffaella De Chirico Arte Contemporanea, Torino (IT)

Cielos italianos, Espacio Ayala&Suarez, Buenos Aires (AR)

Viajes, testo critico di Luciano Caprile, Marina Genova Aeroporto, Genova (IT)

2010

 Genova Buenos Aires / Le città dei ritorni, testi critici di Massimo Sgroi e Luciano Caprie, Complesso Monumentale della Commenda di Pre', Genova (IT)
Tiempos migrantes, per il Bicentenario della Repubblica Argentina, testo critico di Lorenzo Canova, Scuderie di Palazzo Santacroce IILA, Istituto Italo Latino Americano, Roma (IT)

Vacas Migrantes, Galleria Interno Ventidue Arte Contemporanea, Roma (IT)

2009

Ciudad de memorias, testo critico di Victor Fernandez, Museo de Bellas Artes de la Boca Benito Quinquela Martìn, Buenos Aires (AR)

2008

Le città dell'esilio, testo critico di Lorenzo Canova, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)

Città ritrovate – Pisa e Buenos Aires, testo critico di Lorenzo Canova, Palazzo Fiumi e Fossi, Pisa (IT)

Identidades, Galleria Giovanna Scappucci Arte Contemporanea, Viterbo (IT)

La città della distanza, testo critico di Gianmaria Nerli, Spazio Odradek, Roma (IT)

L'identità ritrovata, Angelo Mai, Roma (IT)

La città della distanza, Pica Gallery, Napoli (IT)
Sguardi sostenibili: San Potito, Comune di San Potito, Caserta (IT)

2007
Despertare, Minimalismo Italiano, Roma (IT)

Al Infinito, Istituto Cervantes, Milano (IT)

Sogni Urbani, testo critico di Lauretta Colonnelli, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)

Le città, Spazio Guazzolini, Roma (IT)

Al Infinito, Università per Stranieri di Siena, Siena (IT)
L'America, Studio Enrico Pulsoni, Roma (IT)

Tango, Circolo Arca, Roma (IT)


2006

Al Infinito, Centre Culturel Bellegarde, Toulouse (FR)

Al Infinito, Ambasciata Argentina, Roma (IT)

Al Infinito, La Maison d'Amérique Latine, Parigi (FR)
Paintings, Università di Bologna, Bologna (IT)

Al Infinito, Regione Piemonte, Torino (IT)
L'America, Cultura y media, Centro Cultural General San Martín, Buenos Aires (AR)
Paintings, Fondation Argentine de la Cité Internationale Universitaire, Parigi (FR)

Al Infinito, IHEAL Institut des hautes études de l'Amérique latine, Parigi (FR)

L'America, Université de Pau et des Pays de l'Adour, Bayonne (FR)

L'America, Università Maimónides, Buenos Aires (AR)

2005

Rituales de la memoria, Museo de Bellas Artes, Salta (AR)

Movimiento, Centro Cultural Recoleta, Buenos Aires (AR)

Rituales de la memoria II, Museo de Bellas Artes Irureta, Tilcara (AR)

2004

Flores y Cartografias, Centro Cultural General San Martín, Buenos Aires (AR)

Fotopinturas, Ragonza Art Gallery, Buenos Aires (AR)

Itinerarios urbanos, Galeria Spacio Giesso, Buenos Aires (AR)

2003
Espejos ausentes, Galeria Spacio Giesso, Buenos Aires (AR)

Huellas sonámbulas, Galeria Pabellón IV, Buenos Aires (AR)

Despertares, Espacio Bs. As. News, Buenos Aires (AR)

Pinturas, Galeria Geba, Buenos Aires (AR)

2002
Identidades, Centro Cultural Recoleta, Buenos Aires (AR)

Señales invisibles, Casa della Provincia di Salta, Buenos Aires (AR)

1998 - 2001

Intersecciones, Galleria Humberto Primo, Buenos Aires (AR)

Orillas, Galleria Sur, Buenos Aires (AR)

Miradas urbanas, Galleria Espacio de Arte, Buenos Aires (AR)

Signos de ciudad, Galleria Sur, Buenos Aires (AR)

Murales in spazi pubblici urbani (AR)

Mostre collettive:

2017
Renaissance Now, Lena & Roselli Gallery, Area35 Art Gallery, Budapest (HU)
AMB Contemporary Art Fair, Lena & Roselli Gallery, Area35 Art Gallery, Budapest (HU)
Nexs, Spaziobianco, Torino (IT)
Lucca Art Fair, aA29 Project Room, Lucca (IT)
Pass – ports, Panta Rei Art Gallery, Torino (IT)
Summer Art Collection, Area35 Art Gallery, Milano (IT)
Binario 18, Palazzo della Penna, Perugia (IT)
Here, Cavallerizza Reale, Torino (IT)
Experience, Lanificio Lanciani, Roma (IT)

2016

Autumn Exhibition, William Holman Gallery, New York (US)
ArtFair Verona, aA29 Project Room, Verona (IT)
Thought and matter, IGAV, Capri (IT)

The Path – un viaggio tra onirico e surreale, Palazzo Bocconi, Simona Schiavi Art Gallery, Milano (IT)
Paintings, Crag Art Gallery, Praga (CZ)
Impossibile, Spaziobianco, Torino (IT)
Works on paper, William Holman Art Gallery, New York (US)
Lucca Art Fair, aA29 Project Room, Lucca (IT)
Poppi Deposito d'Arte, Castello di Poppi, Firenze (IT)
Nesxt, Independent Art Network, Torino (IT)

2015
New York Life, Ben Feldman Auditorium, AOTA Art, New York (US)
AU1 opere scelte, Associazione Culturale Areacreativa42, Torino (IT)
Il porto nascosto, Art City / Arte Fiera, Palazzo Baraccano, Associazione Culturale Areacreativa42, Bologna (IT)
Arte Genova / Art Fair, AICA Andrea Ingenito Contemporary Art, Genova (IT)
Best of the best, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)
Residenza Artistica Cosenza 2015, a cura di Alberto Dambruoso, Cosenza (IT)
PaviArt / Art Fair, AICA Andrea Ingenito Contemporary Art, Pavia (IT)
NAF Napoli Arte Fiera / Art Fair, AICA Andrea Ingenito Contemporary Art, Napoli (IT)

2014
The pursuit of excellence, Central Embassy, Bangkok (TH)
Beyond the value of diversity, AOTA Art, New York (US)
La forma Attraverso, a cura di Marzia Capannolo, Palazzo dell'Ex Casinò, Stresa (IT)
Dark side of beauty, a cura di Francesca Canfora, Paratissima 10 (Torino, Italia)
Spezzeranno le loro spade e ne faranno aratri, a cura di Lorenzo Canova, ARATRO Museo d'arte contemporanea, Campobasso (IT)

2013
Link Art Fair Hong Kong, aA29 Project Room, Hong Kong (HK)
Amor sacro, a cura di Luca Barreca, Ex Scuderie del Castello dei Ventimiglia di Castelbuono, Palermo (IT)
A private sight, a cura di Massimo Sgroi, Museo d'Arte Contemporanea, Caserta (IT)
Ouvertures d'ateliers d'artistes, Association Chateau de Servieres, Marsiglia (FR)

2012
A whisper in the sound of silence, a cura di Massimo Sgroi, Palazzo Zenobio, Venezia (IT)

Contemporary Art Abroad, a cura di Massimo Scaringela, Museo di Scienze Naturali, Torino (IT)

ArtVerona, Galleria Raffaella De Chirico Arte Contemporanea, Verona (IT)

A whisper in the sound of silence, a cura di Massimo Sgroi, Museo d'Arte Contemporanea, Caserta (IT)

Affordable Art Fair, Galleria Raffaella De Chirico Arte Contemporanea, Milano (IT)

2011
L'intreccio dei viaggi, LVI Premio Città di Termoli, a cura di Lorenzo Canova, Termoli (IT)

ArteFiera Bologna, Galleria Russo-Asso di Quadri, Bologna (IT)

Bergamo Arte Fiera, Galleria Russo-Asso di Quadri, Bergamo (IT)

2010
Cologne Art Fair, Galleria Changing Role, Colonia (DE)

Collezione, a cura di Lorenzo Canova, ARATRO Museo d'Arte Contemporanea del Molise, Campobasso (IT)

Concerto per Musica di Camera, Galleria Interno Ventidue Arte Contemporanea, Roma (IT)
Carte e identità, Galleria Art Sinergy, Roma, San Benedetto del Tronto, Guastalla (IT)

Ramificazioni, Galleria Memoli Arte Contemporanea, Milano (IT)

Linea Minima, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)

2009
Nuovi cantieri in corso, a cura di Lorenzo Canova, ARATRO Museo d'Arte Contemporanea del Molise, Campobasso (IT)

Dimora collettiva, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)

Across, Galleria Ingresso Pericoloso, Roma (IT)

Incontri ravvicinati, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)

2008
Urban, DozGallery, Milano (IT)

In pensiero, Galleria Sala Uno, Roma (IT)

Quattro, Camaver Kunsthaus, Sondrio (IT)

Big Small 2, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)

Orizzonti e frontiere, Festival Internazionale di Cinema DERHUMALC, Buenos Aires (AR)

2007
Contemporaneo Argentino, Hotel de Russie, Roma (IT)

Big Small, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)

Orizzonti e frontiere, Festival di cinema Crocevia degli sguardi, Torino (IT)

Al Infinito, Festival Internazionale di Cinema sull'America Latina, Toulouse (FR)

2006
Pintura Urbana, Centro Cultural Recoleta, Buenos Aires (AR)

Su tela, Galleria Il Sole Arte Contemporanea, Roma (IT)

El Jardín de las delicias, Galleria Murvi, Buenos Aires (AR)

Poeticas de ciudad, Galleria Humberto Primo, Buenos Aires (AR)

2005
Giuria del Premio di Pittura, Museo de Bellas Artes de la Boca Benito Quinquela Martìn, Buenos Aires (AR)

Abran los paraguas, Galleria Giesso, Buenos Aires (AR)

Voces visibles, Centro Cultural Recoleta, Buenos Aires (AR)

2004
Tango, CCC Centro Cultural de la Cooperacion, Buenos Aires (AR)

Giuria del Premio di Pittura, Museo Quinquela Martín, Buenos Aires (AR)

Expotrastiendas IV, Fiera di arte contemporanea, Buenos Aires (AR)
Fiera d'arte contemporanea, Museo de Arte Moderno de Mendoza, Mendoza (AR)

ArteBA 2004, Fiera di arte contemporanea, Galleria Transarte, Buenos Aires (AR)

2003
Premio di Pittura, Salón Municipal Manuel Belgrano, Buenos Aires (AR)

Panerótica y Estrategias, Galleria Giesso, Buenos Aires (AR)

1° Premio di Pittura, Universidad del Museo Social, Buenos Aires (AR)

Expotrastiendas III, Fiera d'arte contemporanea, Galleria Giesso, Buenos Aires (AR)

2002
Pinturas, Casa Cultural della Provincia di Salta, Buenos Aires (AR)

Retratos perifericos, Galleria Espacio de Arte, Buenos Aires (AR)

Crisis, Galleria Humberto Primo, Buenos Aires (AR)

2001

 Visiones encontradas, Galleria Solido, Rosario (AR)

Vidas perdidas, Galleria Espacio de Arte, Buenos Aires (AR)

Sur / versión, CCC Centro Cultural de la Cooperacion, Buenos Aires (AR)

1998 - 2001
Dialogos, Universidad Buenos Aires, Buenos Aires (AR)

Pintura joven, Galleria Bs As News, Buenos Aires (AR)

Sin fronteras, CCC Centro Cultural de la Cooperacion, Buenos Aires (AR)

Desencuentros, Universidad del Museo Social Argentino, Buenos Aires (AR)

Signos y materias, Centro Cultural Andre Breton, Buenos Aires (AR)

Arquitecturas de ciudad, Galleria Humberto Primo, Buenos Aires (AR)

Premi:

2016
Vincitrice del 1° Premio Zaha Hadid, Biennale di Salerno, Salerno (IT)

2012
Vincitrice del 1° Premio Opera Le vie dell'acqua, Chiostro della Biblioteca Oriani, Ravenna (IT)
Vincitrice del 1° Premio Opera Le vie dell'acqua, Magazzini del Sale, Cervia, Ravenna (IT)

2011
Vincitrice Premio Ora, Associazione culturale Radar, San Donà di Piave, Venezia (IT)

2008
Cammina con l'Arte: Vincitrice del Primo Premio Stonefly, nell'ambito della mostra dall'Accademia alla Fornace, Fornace di Asolo, Terni (IT)
Vincitrice di tre Premi Speciali per la Sezione Scultura, Premio Arte Laguna, Fondazione Benetton, Palazzo Bomben, Treviso (IT)

2007
Vincitrice di due Premi Speciali, Premio Arte Laguna, Museo di Santa Caterina, Treviso (IT)

2006
Pagine Bianche d'Autore, Premio e Segnalazione Giuria per il Veneto (IT)
Il Giardino delle Forme, Premio Arturo Martini, Scultura Veneta Contemporanea, chiostro della chiesa di S. Francesco, Treviso (IT)

Alessandra Redaelli

Dolores nagatani. Il canto mistico della terracotta.

Ho conosciuto Dolores nagatani un anno fa, quando ho avuto la fortuna di curare una sua mostra. Ne avevo ben presente il lavoro, ma entrare in contatto con lei è stato fondamentale per capirne la portata. Quella mostra – e più in profondità quell'incontro – è stata un'esperienza artistica e mistica nella stessa misura. Mistica nel senso più ampio. Dolores possiede una fede religiosa tenace e ne ha fatto un punto centrale della sua vita. Ma non è così semplice. Il misticismo che emana dalle sue opere va al di là di questo. Al di là dell'iconografia di una – pur potentissima – Via Crucis. Quello che si respira davanti alle terrecotte sofferenti, estenuate, straziate da ferite che nessun chirurgo potrà mai suturare, è il risultato di un dialogo intenso e profondo che l'artista intrattiene con se stessa fin da giovanissima, di una sua personale ascesi che il miracolo della creazione artistica le consente di condividere con noi e che noi avvertiamo limpidamente davanti al suo lavoro. Donna di sensibilità finissima, capace di straordinaria empatia di fronte alla sofferenza – come se il suo nome l'avesse in qualche modo predestinata – si è dedicata all'arte, all'inizio, per sublimare un dolore in un suo dialogo personale con la materia e con il destino. Così personale da fare sì che per vent'anni (vent'anni!) le sue terrecotte restassero solo sue, una sorta di diario segreto. Poi però, piano piano, quel dialogo si è allargato. Semplicemente qualcuno le ha fatto capire che la sua voce andava oltre, che poteva – doveva – essere condivisa. E quella sorta di discorso privato si legge tra le righe soprattutto nei primi lavori: corpi emaciati, contorti dal dolore, e visi rivolti al cielo. Se all'inizio la materia era lisciata, domata, resa in qualche modo più "gradevole", con il tempo Dolores ha trovato nelle scabrosità della terracotta, nella sua intrinseca ruvidità, la propria voce più autentica. Ecco allora il periodo dei torsi, figure quasi astratte dove la materia si spalanca in ferite strazianti, stratificate, spesso rafforzate da cromatismi sanguigni. Le opere più recenti, oggi, raccontano invece il cammino dell'umanità in fasci di figure erranti. Piccole o grandissime, raccolte in folle o in gruppi sparuti, caparbiamente orientate verso un unico punto o sperdute, ma sempre con lo sguardo rivolto al cielo in una muta, struggente preghiera. Al contempo, negli anni, l'artista è andata sempre più riducendo il dato reale a favore di una stilizzazione estrema. Il corpo non è più che una striscia di materia, il viso è ora solo una mezzaluna; in un togliere e semplificare che l'ha portata a svelare l'essenza, a scolpire l'anima. Solo la voce appare immutabile nella sua preghiera, mentre la terracotta, ancora, a tratti si spalanca, spezza la continuità, si apre in ferite ruvide, che solo il canto mistico – forse – potrà guarire.

Video di ANNALÙ

opere dell'artista