Lista degli Artisti

Raffaele Minotto

Foto Raffaele Minotto

La ricerca artistica di Raffaelle Minotto si concentra sullo studio della figura e sulla sua interazione con l'ambiente circostante. Presta attenzione alla percezione visiva delle immagini attraverso lo studio della "materia colore" e del "segno": nei dipinti degli ultimi anni, in particolare, privilegia un equilibrio, un dialogo, tra materia pittorica e disegno. Alla pittura affianca l'incisione, dedicandosi soprattutto alla tecnica dell'acquaforte e della puntasecca.

Raffaele Minotto nasce a Padova nel 1969. Frequenta l'Accademia di Belle Arti, corso di Pittura, a Venezia, dove si diploma nel 1991. Nel 1995 realizza la sua prima mostra personale presso il Centro di Storia del Costume "Ieri Attualità" di Padova e da questo momento comincia ad esporre con continuità i suoi lavori. L'intenso lavoro svolto negli anni successivi è ben documentato nella mostra Via Euganea (Padova, 2003) a cura di G. Segato. In tempi più recenti, nel 2009, la pittura di Minotto è stata selezionata per Contemplazioni: ampia esposizione a cura di A. Agazzani che ha proposto, al Castello Sismondo di Rimini, un efficace punto di vista sulla pittura italiana. Nel 2011 viene selezionato da V. Sgarbi per rappresentare la sua regione nell'ambito della 54° Biennale di Venezia – Sezione Regione Veneto. Il lavoro di Minotto è segnalato nei volumi La pittura nel Veneto – Il Novecento (Mondadori Electa, 2006) e La Pittura nel Veneto – Dizionario degli Artisti (Mondadori Electa, 2009). Vive e lavora a Padova.

Mostre personali:

2018
Memories of Light, Liquid Art System, Positano (IT)

2017
Out Focus, Simon Bart Gallery, Salerno (IT)

2015
Domus Magna, Galleria Rubin, Milano (IT)

2013
Acque misteriose, a cura di Stefano Annibaletto, Sala della Gran Guardia, Padova. (IT)
Riflessioni, Galerie LE84, Parigi (FR)

2012
Riflessioni, Galleria Nino Sindoni, Asiago (IT)
Trasfigurazione, a cura di Alberto Agazzani, Spazio Arté, Reggio Emilia (IT)

2011
Riflessioni, a cura di Alberto Agazzani, Hosteria Il Truciolo, Altedo (IT)

2010
Teatri Naturali, Spazio Aref, Brescia (IT)

2009
Raffaele Minotto, Galerie 91, Parigi (FR)

2008
Dans mes Souvenirs, Galerie 91, Parigi (FR)

2007
Reflets d'intérieur, Cercle Munster, Luxembourg (LU)
Complicità Cromatiche, Galleria d'arte Gio Batta, Brescia (IT)

2006
La forma del colore, Spazioarte, Mergozzo (IT)
Atelier 777, Pescara

2005
Quotidiane cromie, Le Stanze di Ippocrate, Padova (IT)
Images du quotidien, Comice Agricole, Capellen (LU)

2003
Via Euganea, a cura di Giorgio Segato, Ex Scuderie di Palazzo Moroni, Padova (IT)
Padova: Personaggi ed Ambienti, Cercle Munster, Lussemburgo (LU)
Alle fonti della luce, Biblioteca Comunale, Sant'Agostino, Ferrara (IT)

2002
Frederic Got Fine Art, Parigi (FR)
Opere su carta, Piccola Libreria Minerva, Padova (IT)

2001
Informali apparizioni, Palazzo Scotti (Sede ATP), Treviso (IT)
Ex Macello, Parco Cornaro, Padova (IT)

2000
La Torre Galleria d'Arte Contemporanea, Treviso (IT)
Galleria Eclectica, Mestre (IT)

1999
Forma e materia, Galleria Eclectica, Mestre (IT)
A misura di luce, Monopoli Arte Contemporanea, Pavia (IT)

1998
Interni, Biblioteca Comunale di Sant'Agostino, Ferrara (IT)

1997
Galleria La Goccia, Laives, Bolzano (IT)
Ricordi…, Galleria Arte Giovani, Bassano, Bassano (IT)
Bottega d'Arte Lacerba, Ferrara (IT)

1995
Centro Studi del Costume Ieri Attualità, Padova (IT)

Mostre collettive:

2019
Art New York, Galleria Liquid Art System, Capri (IT)
Collettiva, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)

2018
Art Miami Context, Galleria Liquid Art Sytem, Capri (IT)
Contemporary Istanbul, Galleria Liquid Art System, Capri (IT)
<20 15x15/20x20 Collezione PUNTO SULL'ARTE 2018, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)
Arte Padova, Galleria Nino Sindoni, Vicenza (IT)

2017
Art Miami Context, Galleria Liquid Art System, Capri (IT)
Arte Padova, Galleria Nino Sindoni, Vicenza (IT)
Altrove. Luoghi, visioni, evocazioni, Museo d'arte Contemporanea Dino Formaggio, Teolo (IT)

2016
Eterni Interni, Galleria Ponte 04, Pieve di Cento (IT)
Gioie, Catania Art Gallery, Catania (IT)
Arte Padova, Galleria Nino Sindoni, Padova (IT)
Bianca_neve, Nuovospazio Arte Contemporanea, Piacenza (IT)

2015
Selva Oscura, Museo del Correggio, Correggio (IT)
Premio Sciascia, VIII Edizione, Palermo, Firenze, Fabriano, Milano (IT)
L'incisione contemporanea nelle Tre Venezie, Biblioteca Nazionale Universitaria, Torino (IT)

2014
Venti Contrari, Galleria Civica, Valdagno (IT)
Intagli e morsure, Complesso del Baraccano, Bologna (IT)
Arte Padova, Galleria Restarte, Bologna (IT)

2013
Permanenza del Segno, Biblioteca Nazionale Universitaria, Torino (IT)

2012
Incontri all'inizio del mondo, Bordin – Minotto- Rinaldi -Tanzola, a cura di Silvia Bottani, Centro culturale San Gaetano Padova (IT)
Raffaele Minotto - Debora Antonello, Galleria Kim Hart, Venezia (IT)
Art Now!, Fondazione Matalon, Milano (IT)

2011
54° biennale di Venezia-Padiglione Regionale Veneto, a cura di Vittorio Sgarbi, Villa Contarini, Padova (IT)
Dialoghi incisi. L'arte del segno tra Padova e il Giappone, Centro Culturale San Gaetano, Padova (IT)
Arte Padova, Galleria Restarte, Bologna (IT)
Immagina, Galleria Restarte, Bologna (IT)

2010
In/Carne, a cura di Edoardo di Mauro, Fondazione Cominelli, San Felice del Benaco (IT)
Dialoghi nel colore, Sala della Gran Guardia, Padova (IT)
Antiques & Art Fair Luxembourg (LU)

2009
Contemplazioni, a cura di Alberto Agazzani, Castel Sismondo, Rimini (IT)
Altre Contemplazioni, a cura di Alberto Agazani, Galleria LIBRA, Catania (IT)
Dialogo. 10 incisori padovani, Museo della Stampa, Soncino (IT)
Biennalle di Grafica di Novosibirsk, (RU)
ArtVerona 2009, Galleria F. Russo, Roma (IT)
Arte Padova 2009, Galleria Restarte, Bologna (IT)
Antiques & Art Fair, Luxembourg (IT)

2008
Dialogo. 10 incisori padovani, Galleria Scrimin, Bassano (IT)
Bergamo Arte Fiera 2008 (IT)
ART Fiera internazionale d'arte contemporanea, Innsbruck (AU)
Vitarte, Fiera d'arte contemporanea, Viterbo (IT)
Immagina, Reggio Emilia (IT)

2007
IV Biennale dell'Incisione di Campobasso (IT)
Brutte figure, Galleria il Ponte, Pieve di Cento (IT)
Incontri, Spazio Arte, Napoli (IT)

2006
Minotto – Rinaldi, Spazio Arte 53, Napoli (IT)
Labirinto, Oratorio Chiesa Parrocchiale, Sant'agostino, Ferrara (IT)
Biennale dell'incisione Italiana Contemporanea, Campobasso (IT)
Concorso Biennale di Pittura E. Rizzi, 1 premio, Brescia (IT)

2005
Il piccolo formato oggi, Galleria d'Arte al Montirone, Abano Terme (IT)
Padua Sketches, Galleria d'Arte Bongiovanni, Bologna (IT)
Arte 2005, Padova (IT)

2004
Art Metz 2004, Parc des expositions, Metz (FR)
XXXI Premio Sulmona 2004, Sulmona (IT)
V Premio Fabio Bertoni per l'incisione, Sala Bramante, Fermignano (IT)
Pittori Veneti – L'uomo e la natura, Villa Contarini, Piazzola sul Brenta (IT)
Salon des Antiquaires et de l'Art Contemporain, Lussemburgo (LU)
44° Edizione Premio G.B.Cromer, 1° premio per la grafica, Agna (IT)

2003
Raffaele Minotto – Michael Loth, Farbe Schatten, progetto espositivo inserito nelle iniziative Graz 2003, Capitale europea della cultura, Galerie Dida, Graz. (AU)
Arte 2003, Padova (IT)
Kunstmesse Salzburg, Salisburgo (AU)
Incisori Veneti – Mese della Cultura 2003, ex Macello, Padova (IT)
Figurativo e figurativo, Palazzo dei Capitani, Malcesine (IT)

2002
Arte 2002, Padova
Knstmesse, Salzburg, Salisburgo (AU)

2001
Expo Arte, 2001, Bari (IT)
Arte 2001, Padova, (IT)
2° Premio "Città di Monselice", 1°premio assoluto, Monselice (IT)
41° Edizione Premio G.B.Cromer, 3° premio per la grafica, Agna (IT)

2000
Expo Arte 2000, Bari (IT)
12° Premio Nazionale P. della Valentina, 4° premio, Cordignano (IT)
Arte 2000, Padova (IT)
Palazzo Viani Visconti, Pallanza (IT) Ex Chiesa di San Rocco, Este (IT)
Casa d'Arte L. De Regibus, Vogogna (IT)
Padua Art Gallery, Padova (IT)

1999
St'art '99, Strasburgo, Francia (FR)
Expo Arte '99, Bari (IT)
Arte '99, Padova (IT)
Mac '99, Chiesa di Santa Maria Gualtieri, Pavia (IT)
V Edizione Premio Morlotti – Imbersago (IT)
Il mondo di Paracelso, Paracelso Arte Contemporanea, Pavia (IT)
Lineart '99, Gent, Belgio (BE)
Grands et Jeunes d'aujourd'hui. Salon 1999, Parigi (FR)

1998
Arte Fiera '98, Bologna (IT)
Arte '98, Padova (IT)
In forma di figura, Villa Breda, Padova (IT)
10° Premio nazionale P. della Valentina, 2° premio, Cordignano (IT)
Expo Arte '98, Bari (IT)
Lineart '98, Gent, Belgio (BE)
Mac '98, Chiesa di santa Maria Gualtieri, Pavia (IT)

1997
Realismo-Realismo, Galerie Dida, Graz (AU)
Vicenza Arte '97 (IT)
Europ'Art, Ginevra (CH)
S.I.A.C., Roma (IT)
In-differenze. Works in progress n.5, Palazzo Ducale, Revere (IT)
Artisti dallo Young Museum, Chiesa di Santa Maria Gualtieri, Pavia (IT)
Arte '97, Padova (IT)

1996
Vicenza Arte '96 (IT)
Segnali all'orizzonte. Presenze, Padova (IT)
XXXVI Concorso nazionale G.B.Cromer, 1° premio e medaglia d'argento del Presidente della Repubblica, Agna (IT)
Terzo incontro delle culture, Gorlitz (DE)
Premio Arte '96 G.Mondadori, segnalato tra i finalisti, Milano (IT)
Expo Arte '96, Montichiari, Brescia (IT)
Arte '96, Padova (IT)

1995
Vicenza Arte '95 (IT)
VIII Premio Estate Trivigiana, 1° premio, Treviso (IT)
Arte '95, Padova (IT)

1994
Segnali all'orizzonte 3, Padova (IT)
Etruria Arte 5, Venturina (IT)
Arte '94, Padova (IT)

Premi:

  • 2012 » Vincitrice del 1° Premio Opera Le vie dell'acqua, Chiostro della Biblioteca Oriani, Ravenna (I)
  • 2012 » Vincitrice del 1° Premio Opera Le vie dell'acqua, Magazzini del Sale, Cervia, Ra (I)
  • 2011 » Vincitrice Premio Ora, Associazione culturale Radar, San Donà di Piave, Ve (I)
  • 2008 » Cammina con l'Arte: Vincitrice del Primo Premio Stonefly, nell'ambito della mostra dall'Accademia alla Fornace, Fornace di Asolo, Tr (I)
  • 2008 » Vincitrice di tre Premi speciali per la Sezione Scultura, Premio Arte Laguna, Fondazione Benetton, Palazzo Bomben, Treviso (I)
  • 2007 » Vincitrice di due Premi Speciali, Premio Arte Laguna, Museo di Santa Caterina, Treviso (I)
  • 2006 » Pagine Bianche d'Autore, Premio e Segnalazione Giuria per il Veneto, (I)
  • 2006 » Il Giardino delle Forme, Premio Arturo Martini, Scultura Veneta Contemporanea, chiostro della chiesa di S. Francesco, Treviso (I)

Alessandra Redaelli

Dolores nagatani. Il canto mistico della terracotta.

Ho conosciuto Dolores nagatani un anno fa, quando ho avuto la fortuna di curare una sua mostra. Ne avevo ben presente il lavoro, ma entrare in contatto con lei è stato fondamentale per capirne la portata. Quella mostra – e più in profondità quell'incontro – è stata un'esperienza artistica e mistica nella stessa misura. Mistica nel senso più ampio. Dolores possiede una fede religiosa tenace e ne ha fatto un punto centrale della sua vita. Ma non è così semplice. Il misticismo che emana dalle sue opere va al di là di questo. Al di là dell'iconografia di una – pur potentissima – Via Crucis. Quello che si respira davanti alle terrecotte sofferenti, estenuate, straziate da ferite che nessun chirurgo potrà mai suturare, è il risultato di un dialogo intenso e profondo che l'artista intrattiene con se stessa fin da giovanissima, di una sua personale ascesi che il miracolo della creazione artistica le consente di condividere con noi e che noi avvertiamo limpidamente davanti al suo lavoro. Donna di sensibilità finissima, capace di straordinaria empatia di fronte alla sofferenza – come se il suo nome l'avesse in qualche modo predestinata – si è dedicata all'arte, all'inizio, per sublimare un dolore in un suo dialogo personale con la materia e con il destino. Così personale da fare sì che per vent'anni (vent'anni!) le sue terrecotte restassero solo sue, una sorta di diario segreto. Poi però, piano piano, quel dialogo si è allargato. Semplicemente qualcuno le ha fatto capire che la sua voce andava oltre, che poteva – doveva – essere condivisa. E quella sorta di discorso privato si legge tra le righe soprattutto nei primi lavori: corpi emaciati, contorti dal dolore, e visi rivolti al cielo. Se all'inizio la materia era lisciata, domata, resa in qualche modo più "gradevole", con il tempo Dolores ha trovato nelle scabrosità della terracotta, nella sua intrinseca ruvidità, la propria voce più autentica. Ecco allora il periodo dei torsi, figure quasi astratte dove la materia si spalanca in ferite strazianti, stratificate, spesso rafforzate da cromatismi sanguigni. Le opere più recenti, oggi, raccontano invece il cammino dell'umanità in fasci di figure erranti. Piccole o grandissime, raccolte in folle o in gruppi sparuti, caparbiamente orientate verso un unico punto o sperdute, ma sempre con lo sguardo rivolto al cielo in una muta, struggente preghiera. Al contempo, negli anni, l'artista è andata sempre più riducendo il dato reale a favore di una stilizzazione estrema. Il corpo non è più che una striscia di materia, il viso è ora solo una mezzaluna; in un togliere e semplificare che l'ha portata a svelare l'essenza, a scolpire l'anima. Solo la voce appare immutabile nella sua preghiera, mentre la terracotta, ancora, a tratti si spalanca, spezza la continuità, si apre in ferite ruvide, che solo il canto mistico – forse – potrà guarire.

Video di ANNALÙ

opere dell'artista