Lista degli Artisti

Andrea Mariconti

Foto Andrea Mariconti Pittura che non è solo materica, ma che evoca immagini plasmate da rapporti e contrasti tra luci ed ombre che definiscono i linguaggi di personalità vicine alla scultura. Andrea Mariconti crea materia pittorica capace di soddisfare non solo il bisogno di rappresentare, ma anche la necessità di toccare, quasi penetrare la superfice dipinta. Le sue opere dialogano costantemente con la memoria attraverso l'utilizzo di materiali di origine naturale, quali cenere, cera, petrolio e terra. L'unico colore che usa è il bianco. I soggetti ricorrenti della sua opera sono covoni di paglia, boschi e scogliere a picco sul mare.

Andrea Mariconti nasce nel 1978 a Lodi. Si laurea nel 2001 presso l'Accademia di Belle Arti di Brera, indirizzo Arti Visive, e nel 2006 in Scenografia e Discipline dello Spettacolo. Nel 2005 partecipa ad un workshop tenuto da Anselm Kiefer in occasione della preparazione dell'installazione presso l'Hangar Bicocca I Sette Palazzi Celesti. Dal 2003 espone regolarmente in Italia e viene presentato regolarmente nelle più importanti fiere d'arte contemporanea. Nel 2011 è vincitore del Premio UNESCO per l'Arte Contemporanea. Vive e lavora tra Cremona e Milano.

Mostre personali:

  • 2016
  • Kanon III Halos, a cura di M.G.Melandri (con testo di Enzo Dall'Ara), Museo MAG Magazzini del Sale, Cervia
  • 2015
  • Keramos, a cura di G.I.Sidola (con testo di Antonio Spadaro S.I.), Federico Rui Arte Contemporanea (MI)
  • Kanon I Habitat Mouseion, a cura di G.I.Sidola (con testo di Antonio Spadaro S.I.), Museo Diocesano Milano, EXPO Milano 2015
  • Kanon II Homo Viator, a cura di G.I.Sidola (con testo di Antonio Spadaro S.I.), Spazio 88, Roma
  • 2014
  • Attraction, a cura di A.Redaelli, Galleria Punto sull'Arte, Varese
  • 2013
  • Kanon, Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • NEW LIFE, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese
  • 2012
  • Storia Naturale, a cura di Emanuele Beluffi, Spazio Bipielle Arte, Lodi
  • Aleifar, a cura di Stefano Castelli, Galleria Rotta Farinelli, Genova
  • 2011
  • Ecumene | terra da abitare, a cura di F.Baboni-S.Taddei, Sala Espositiva Telemaco Signorini, Portoferraio (Li)
  • La natura organica della memoria genera l'opera,a cura di E.Beluffi, Palazzo Comunale Sala dei Decurioni, Cremona
  • La natura organica della memoria genera l'opera,a cura di E.Beluffi, Galleria NuovoSpazio, Piacenza
  • 2010
  • I resti del tempo, Galleria Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • Blackcoal, a cura di Natalia Vecchia, Galleria ZeroOtto, Lodi
  • 2009
  • No more me, Bell Roberts Gallery, Cape Town, South Africa
  • 2007
  • Quia Pulvis, a cura di Fabrizio Dentice, Galleria Pittura Italiana, Milano
  • Le ombre delle idee,a cura di Fra G. La Rocca, Galleria L'Ariete, Bologna
  • 2006
  • Andrea Mariconti, a cura di Maurizio Sciaccaluga, Galleria Pittura Italiana, Milano
  • Silenzi, a cura di Flaminio Gualdoni, Galleria L'Ariete, Bologna
  • 2004
  • Nozzechimiche, a cura di Galleria Pittura Italiana, Spazio Cailan'd, Milano
  • Rumore bianco, a cura di Francesco Gesti e Antonio Spadaro, Galleria Arturarte, Nepi (VT)
  • Ri-trarre, a cura di Paolo Klun, Home Gallery, Napoli
  • Andrea Mariconti, a cura di Francesco Gesti, Davide Dall'ombra e Marco Vianello, Meeting di Rimini
  • 2003
  • Interferenze, Spazio S. Fedele, a cura di Antonio Spadaro e Rodolfo Balzarotti, Milano


Mostre collettive:

  • 2016
  • 5 Anni | Classico Contemporaneo, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)
  • 2015
  • Art Taipei, Galleria Bianconi Milano, Tai Pei (Taiwan)
  • Paper Blood, a cura di I.Pengo e M.Tavola, Villa Litta-Borromeo, Lainate (Mi)
  • 2014
  • ArtVerona, Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • Segni Moderni, a cura di I.Pengo e M.Tavola, Orie gallery, Tokyo (JP)
  • 2013
  • Arte Padova, Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • Immagina Arte Fiera, Reggio Emilia, Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • ArtVerona, Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • Bergamo Arte Fiera, Galleria PUNTO SULL’ARTE, Varese
  • SANTI PECCATI E PECCATORI, Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • Sublimate, Sublime, Subliminal, Lloyds Club, Londra (UK)
  • 2012
  • Arte Padova, Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • ArtVerona, Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • UNESCO International Bioethics Art Prize, MD Anderson Cancer Centre, Huston (Texas USA)
  • 2011
  • UNESCO International Bioethics Art Prize, The United Nations: General Assembly Hall, New York (USA)
  • Fundamentum Artis: Albanese-Chia-CodaZabetta–Ferlinghetti-DarioFo-Mariconti-Mendini-Moret-Pellegrini–Petracchi-PizziCannella, a cura di R.Z.Bongiovanni, Unicredit Private, Bologna
  • 2010
  • Materia è Memoria, a cura di Emanuela Agnoli, galleria Percorsi, Rimini
  • Naturae, Galleria ZeroOtto, Lodi
  • Il canto degli alberi, Galleria Federico Rui Arte Contemporanea, Milano
  • 2009
  • Walkin' Venice Open Galleries, Meggiato Fine Arts, Venezia
  • New art gallery, Wasescha+Meggiato, S.Moritz (CH)
  • 2008
  • Figurati!, Museo Officina delle Arti, Reggio Emilia
  • Buste dipinte, Teatro Dal Verme, Milano
  • Un mosaico per Tornareccio, Sala Comunale, Tornareccio (Ch)
  • 2007
  • Premio Cairo, Museo della Permanente, Milano
  • La Nuova Figurazione italiana… to be continued, a cura di Chiara Canali, Fondazione Borroni, Milano
  • L'ombra del dubbio, a cura di Maurizio Sciaccaluga, Galleria Novato, Fano
  • Figurati!, Galleria Pittura Italiana, Milano
  • Summer Container, Galleria Goethe 2, Bolzano
  • Aliens, a cura di Sergio Curtacci, Spazio Novantanove, Venezia
  • Landscape, a cura di Stefano Castelli, Galleria 35, Rieti
  • 2006
  • Per le Strade, a cura di Emma Gravagnuolo e Franco Migliaccio, Hotel Delle Arti, Cremona
  • Vertigini: il fantastico oggettuale, a cura di Silvia Pegoraro, XXXIX Premio Vasto, Palazzo d'Avalos, Vasto
  • Album dei ricordi, Galleria Pittura Italiana, Milano
  • 2005
  • Città di Carta: da Sironi ai contemporanei, a cura di Sandro Fusina, Galleria Pittura Italiana, Milano
  • Europe Project, a cura di Gianluca Marziani, Hart Diest Gallery, Diest (Belgio)
  • Premio Morlotti 2005, a cura di Giacomo Pellegrini, Imbersago
  • Europe Project, a cura di Gianluca Marziani, Hart Diest Gallery, Diest (Belgio)
  • Nuovo romanticismo, Galleria Studio Vivo, Cremona
  • 2004
  • Sacro, a cura di Silvano Petrosino, Centro S. Fedele, Milano
  • Premio La Fenice, Venezia, (secondo premio)
  • Salon di scenografia 2004 - il mestiere dello scenografo, Accademia di Brera, Milano (primo premio)
  • 2003
  • Naturarte 2003, Lodi
  • (S)paesaggi e dintorni, Galleria Pittura Italiana, Milano
  • 2002
  • Ritorno ad Itaca, a cura di Andrea Dall'Asta, Centro S. Fedele, Milano
  • Premio CDZ 2002, a cura di Elena Pontiggia, Galleria Ponte Rosso, Milano
  • 2000
  • SALON I 2000, Museo della Permanente, Milano
  • La riscoperta dell'immagine di Vigilio nell'autenticità e sensibilità odierna, Museo Diocesano Tridentino, Trento (primo premio)
  • NewCentury presents, Aoyama Skydoor Artplace, Tokio (Japan)


Premi:

  • 2011 – 1° Premio UNESCO International Bioethics Art Competition – Texas, USA
  • 2004 – 1° Premio Salon di scenografia 2004, Milano, Italia
  • 2003 – 1° Premio Premio San Fedele – Milano, Italia
  • 2000 – 1° Premio Premio Arte Sacra - Trento, Italia

Pubblicazioni:

  • Beluffi E., Gualdoni F., Andrea Mariconti. Storia Naturale, presentazione in catalogo Spazio Bipielle Arte, Lodi, 2012
  • Castelli S., Aleifar, presentazione in catalogo, Galleria Rotta Farinelli, Genova, 2012
  • Beluffi E., La natura organica della memoria genera l'opera, presentazione in catalogo, Piacenza, 2011
  • Agnoli E., Materia è Memoria, presentazione in catalogo, Galleria Percorsi, Rimini, 2010
  • Vecchia N., presentazione in catalogo, Galleria Zerootto, Lodi, 2010
  • Giordani S., "I colori della terra, e la natura si fa arte", La Provincia, mercoledì 18 novembre 2009
  • Magongo S., "Italian spearheads healing power of art", Cape Times, july 21st 2009, p.7
  • Migliorati F., "Immagini e figure della nuova pittura italiana", presentazione in catalogo, Galleria Next Art, Arezzo, 2008
  • Campanini C., "Dipinti e fotografie di boschi romantici. Andrea Mariconti, Marco Luzi ed Enrico Savi", Arte, aprile 2008
  • Campanini C., Premio Cairo, presentazione in catalogo, Museo della Permanente, Milano, 2007
  • Gualdoni F., Silenzi, presentazione in catalogo, Galleria L'Ariete, Bologna, 2007
  • La Rocca G., De Umbris Idearum, presentazione in catalogo, Galleria L'Ariete, Bologna, 2007
  • Castelli S., Landscape, presentazione in catalogo, Galleria 35, Rieti, 2007
  • Benati D., Silenzi, presentazione in catalogo, Galleria L'Ariete, Bologna, 2007
  • Bernardi F., Silenzi, presentazione in catalogo, Galleria L'Ariete, Bologna, 2007
  • Dentice F., Quia Pulvis, presentazione in catalogo, Galleria Pittura Italiana, Milano, 2007
  • De Santis A., "Dialogo", Terza Pagina, 2007
  • Gerardi S., Silenzi, presentazione in catalogo, Galleria L'Ariete, Bologna, 2007
  • Montagna, E., Incontro con Andrea Mariconti, intervista, Galleria Pittura Italiana, Milano, 2007
  • Silvestri S., "l'ombra del dubbio", Alibi on line, 2007
  • Sciaccaluga M., L'ombra del dubbio, presentazione in catalogo, Galleria Novato, Fano, 2007
  • Vannacci S., Intervista, Art Key Magazine, 2007
  • Sciaccaluga M., Andrea Mariconti, presentazione in catalogo, Galleria Pittura Italiana, Milano, 2006
  • Zanchetta A., Andrea Mariconti, Espo Arte, Albisola, ottobre/novembre 2006
  • Pegoraro S., Vertigini: il fantastico oggettuale, presentazione in catalogo, Vasto, 2006
  • Gesti F., Rumore bianco, presentazione in catalogo, Galleria Arturarte, Nepi (VT), 2004
  • Ghielmetti C., Andrea Mariconti, Grand Tour, Milano, marzo/aprile 2004
  • Oliva I., "Incipit", Exibart, 2004
  • Spadaro A., Rumore bianco, presentazione in catalogo, Galleria Arturarte, Nepi (VT), 2004

Alessandra Redaelli

Andrea Mariconti. La potenza della materia.

Il viso appare fresco e pulito: lo sguardo fiero, le labbra distese nell'accenno di un sorriso. Il segno costruisce l'epidermide con una delicatezza amorosa, quasi materna: scandaglia le ombre, esalta le luci, sottolinea carezzevole ogni curva e ogni avvallamento. Poi, improvvisamente, la materia esplode, deflagra, come per un eccessivo accumularsi di energia interna. I contorni perdono compattezza. Quasi che un'inaspettata urgenza del fare avesse mosso la mano a un gesto sempre più veloce. Quasi mancassero le parole per definire nei dettagli una cosa così immensa, così assoluta, così grandiosa come quel viso. E poi, dal centro del lavoro, comincia a diramarsi una spaccatura, come una crepa nel terreno, come l'inizio di un movimento tellurico che va espandendosi fino alle estremità. La materia si solleva, si ribella all'ordine prestabilito, si sgretola lentamente in un movimento lento ma inesorabile, mentre il soggetto si spacca, esponendo una sorta di seconda vita brulicante sotto la superficie.

Da sempre Andrea Mariconti ci ha abituati a questa sua pittura potente e attraente, graffiante e graffiata. A questo procedere che chiamare pittura appare sempre un po' limitativo, perché l'uso di mescolare i materiali classici del dipingere con la cenere, a volte con il petrolio, regala al lavoro una tridimensionalità inedita, un'imponenza scultorea. Le opere più recenti, ora, ci sorprendono con una nuova gioia cromatica. L'uso della foglia di rame ossidata rivela una luminosità inedita, vivace e cangiante. Quello che resta allo spettatore – dopo l'incanto della prima impressione, dopo la sensazione di aver assistito a un fenomeno prezioso e irripetibile – è il gusto di una realtà in divenire, precaria, mobilissima, solo a tratti agganciata al nostro vissuto grazie a quei piccoli dettagli di colore che di tanto in tanto, quasi miraggi, vanno a spezzare la sinfonia perfetta e terribile di un dilagante bianco e nero.

Daniela Croci Silvuni

Quando ambiente e cultura dell'ambiente si fondono in immagini silenziose, solo allora tempo e spazio, ricordo e verità compongono un racconto affascinante e misterioso quanto concreto e sincero. E' quanto accade nelle opere di Andrea Mariconti. Osservare un suo quadro è esperienza visiva e, al tempo stesso, tattile. La sua pittura non è solo materica, evoca immagini plasmate da rapporti e contrasti tra luci ed ombre che definiscono i linguaggi di personalità vicine alla scultura. Lo si comprende meglio tenendo conto della tecnica pittorica che questo artista adotta per le sue opere. Mariconti impasta e plasma olio con cenere e terra, petrolio e cera. Crea - più che colore - materia pittorica capace di soddisfare non solo il bisogno di rappresentare, ma anche la necessità di toccare, quasi penetrare la superficie dipinta. Una prospettiva perfettamente impostata non potrebbe da sola attrarre lo spettatore verso una realtà rappresentata ma non reale. Nelle opere di Mariconti è la presenza della materia, così vera e tangibile, che permette alla rappresentazione di entrare in uno spazio non solo dipinto, ma del quale poter fare esperienza. L'artista racconta i suoi luoghi senza colore come se appartenessero ad una realtà parallela, come se il colore potesse togliere valore al racconto. Neri profondi, grigi modulati in tutte le gradazioni, che sembrano negare ogni presenza umana, ogni traccia di vita. Ma l'assenza di colore è realmente negazione della vita? La risposta è no, se al non colore si accosta il bagliore luminoso di un bianco puro, il guizzo di un segno che - zigzagando liberamente sulla superficie dipinta - rompe il silenzio evocando la recente presenza di chi è passato in quel luogo lasciando la sua traccia. C'è vita anche in un campo dove covoni, abbandonati a fine giornata, sembrano dialogare tra di loro. Dove la terra solcata in lungo e in largo dal lavoro dell'uomo, cerca riposo dal continuo sfruttamento. Perfino negli orizzonti industriali, segnati da tralicci inquietanti, è la forza vitale e potente della luce - estrema sintesi di ogni colore – che può e sa arrestare l'avanzata di una realtà che sarebbe altrimenti autodistruttiva.

opere dell'artista