Lista degli Artisti

Jernej Forbici

Foto personale di Jernej Forbici by Mike Crawford

Catalogo personale "In My Place": SFOGLIA ONLINE
Jernej Forbici nasce a Maribor (Slovenia) nel 1980. Ha studiato al College for Visual Arts di Lubiana. Si è Laureato con lode in Pittura (cattedra prof. Carlo Di Raco) all'Accademia di Belle Arti di Venezia, cui è seguita la Laurea specialistica in arti visive e discipline dello spettacolo.
Dal 1999 il suo lavoro è presente in numerose mostre personali e collettive in diversi stati europei, negli Stati Uniti, Canada, Argentina e Cina. I suoi lavori fanno parte di numerose collezioni pubbliche e private. E' stato invitato a partecipare alle Biennali: Hicetnunc, Pordenone (2003), IBCA Biennale internazionale d'arte a Praga, Padiglione tedesco (2005), Accade, 51°Biennale di Venezia (2007), 53° Biennale di Venezia, Padiglione Italia – Accademie (2011).
Nel 2009 la stessa Accademia di Belle Arti di Venezia ha dedicato a Jernej Forbici una retrospettiva ai Magazzini del Sale, curata da Carlo Di Raco. Nel 2011, dopo aver pubblicato la sua prima monografia e presentato cinque retrospettive in Italia e Slovenia, è stato invitato a partecipare alla mostra Il fuoco della natura a Trieste. Nel 2012 vince una borsa di studio dal Ministero della Cultura Sloveno e viene invitato in residenza a Londra, dove si dedica allo studio dei maestri inglesi. Vive e lavora tra Kidričevo, Ptuj (Slo) e Vicenza (I).
Mostre personali:
2016
Phytoremediation, Nuovospazio Arte Contemporanea, Piacenza (IT)
Landskip - Jernej Forbici e Marika Vicari, (catalogo), Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)

2015
Everywhen - Jernej Forbici e Marika Vicari, Roomberg Project Space, Latina (IT)
Nothing Is Yelling At You, Officina Delle Zattere, Venezia (IT)

2014
Works On Paper, Galleria d'Arte L'Occhio, Venezia (IT)
Blurry Future, European Court Of Auditors (LU)
Sleep Now In The Fire, Prostor Epeka, Maribor (SI)

2013
Works On Paper & The Rest, Galerija FO.VI, Strnišče (SI)
[New] Life - Forbici, Mariconti, Ravasio, (catalogo), Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)

2012
Large Scale Uk Sketches, Embassy Of The Republic Of Slovenia, Londra (GB)
Stop Or Burn With Us!, Galleria Nuvole Arte Contempoanea, Montesarchio (IT)
Last Flowers, Galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter, Milano (IT)
Letzte Pflanze, Galerie Kro Art Contemporary – Kunstraum 16Th, Vienna (AT)

2011
New Works, Galerija FO.VI, Strnišče (SI)
NaturAzioni – Ciaurro, Forbici, Nielsen, (catalogo), Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)
Last Flower, Museo Delle Mura, Borgo Val Di Taro, Parma (IT)
Monuments, Musei Montichiari, Galleria Comunale, Montichiari (IT)
Blurry Future, Loft Miramarmi, S. Pietro Mussolino, Vicenza (IT)
Jernej Forbici, Galerie Englös, Dobbiaco (IT)
Fiumi Di Porpora, Galleria Bianca Maria Rizzi, Milano (IT)
2001 - 2011, Tovarna Umetnosti - Art Factory, Majšperk (SI)

2010
Jernej Forbici, Galerija Tenzor, Ptuj (SI)
Halda, Galerija FO.VI, Kidričevo (SI)
The Observer´S Diary, Galèria Krokus, Bratislava (SK)

2009
My Space, Magazzini Del Sale, Accademia Di Belle Arti Di Venezia (IT)
J. Forbici – Slike, Galerija 22, Ljubljana (SL)

2008
Jernej Forbici, Razstavišče Fori, Žalec (SI)
Jernej Forbici, Marika Vicari, Galerija Marin, Umag (HR)
Parasite Evolution – Dead Host, Galleria d'Arte L'Occhio, Venezia (IT)
We Love Our Nature, Aparth Brno (SK)

2007
Unfinished Business, Filozofska Fakulteta, Maribor (SI)
Unfinished Business – Made In Italy, Galleria Nuvole Arte Contemporanea, Montesarchio, Benevento (IT)
How The West Was Won And Where It Got Us, Meinblau E.v., Berlino (DE)
Weinfest, Loisium Museum With Robert Mittinger, Langenlois (AT)
Standing On The Edge, Kro Art Contemporary, Vienna (AT)

2006
Comoedia, Galleria Bellofresco, Mestre, Venezia (IT)

2005
In My Place, Galleria 3D, Venezia (IT)
New Documents, Halda, Miheličeva Galerija, Ptuj (SI)

2004
Doc Imp, Razstavišče Hosting, Ljubljana (SI)
In My Place, Galerija Magistrat, Ptuj (SI)

2003
In My Place, 2Nd Edition, Galerija Tenzor, Ptuj (SI)
Imp, Hiša Kulture, Pivka (SI)
After Genesis, Galerija Insula, Izola (SI)
In My Place, Galerija Sodobne Umetnosti, Celje (SI)

2002
Genesis, Galerija Tenzor, Ptuj (SI)

2001
People And Earth / Ljudje In Gruda, Razstavišče Stara Steklarska, Ptuj (SI)
Mostre collettive, Fiere d'Arte:
2016
Febbre a '39, Galleria Nuovo Spazio Arte Contemporanea, Piacenza (IT)
Arte Genova, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Genova (IT)

2015
Bergamo Arte Fiera, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Bergamo (IT)
Filo Rosso, Galleria Nuovo Spazio, Piacenza (IT)
Art Verona, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Verona (IT)
<20 15x15 / 20x20 Collezione PUNTO SULL'ARTE 2015, (catalogo), Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)
Off Art Fair, Bruxelles (BE)
Setup, Bologna (IT)
Arte Genova, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Genova (IT)

2014
<20 15x15/20x20 Collezione PUNTO SULL'ARTE 2014, (catalogo), Galleria PUNTO SULL'ARTE, Varese (IT)
Das Prinzip Hoffnung, Gallery Kro Art, Vienna (AT)
St-Art, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Strasburgo (FR)
Art Verona, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Verona (IT)
Arte Genova, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Genova (IT)

2013
Art Verona, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Kro Art Contemporary, Verona (IT)
Bergamo Arte Fiera, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Bergamo (IT)

2012
Art Toronto, Galleria 3D, Toronto (CDN)
Art Verona, Galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Galleria 3D, Verona (IT)
Fuoco Della Natura, Salone Degli Incanti, Ex Pescheria, Trieste (IT)
Arte Genova, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Genova (IT)
Art4business 2012, Galleria PUNTO SULL'ARTE, Malpensa (IT)

2011
Art Toronto, Sps Art Consulting, Toronto (CA)
The Others, Galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter, Torino (IT)
Art Verona, Galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter, Verona (IT)
Lost In Painting, Villa Brandolini, Pieve Di Soligo, Treviso (IT)
54° Biennale Di Venezia, Padiglione Italia – Progetto Accademie. Lo Stato Dell'arte - Arsenale Novissimo Tese Di San Cristoforo, Venezia (IT)
Adama'. Cantica Per La Terra, Pardes - Laboratorio Di Ricerca D'arte Contemporanea, Mirano, Venezia (IT)
Review And Outlook, Galerie T40, Düsseldorf (DE)
Aam, Arte Accessibile Milano, Galleria Bianca Maria Rizzi, Milano (IT)
Vico Calabro E Gli Artisti Della Stamperia D'arte Busato, Spazio D'arte Pisanello, Verona (IT)
Baf, Galleria Bianca Maria Rizzi, Bergamo (IT)

2010
Il Paesaggio (Dipinto), Galleria Vm21, Roma (IT)
Tra Carte E Inchiostri, Stamperia D'arte Busato, Vicenza (IT)
Step09, Galleria Bianca Maria Rizzi, Milano (IT)
Art Verona, Kro Art Contemporary, Verona (IT)
Paesaggio Con Figure, Palazzo Della Comunità, Orta San Giulio, Novara (IT)
Dušan Fišer And Friends - Art Stays, Gallery T40, Düsseldorf (DE)
Loft Life Art Event, Loft Mt55, Vicenza (IT)

2009
Landscape And Memory, Hungarian Academy, Roma (IT)
Nuove Figure 3, Atelier F, Accademia Di Belle Arti Di Venezia (IT)
Join, Art Stays & Galerija FO.VI, 6Th Berliner Kunstsalon, Berlino (DE)
Nuovi Orizzonti In Laguna, Centro Cultural Borges, Buenos Aires (AR)
Nuove Figure 3, Forte Marghera – 35, Mestre, Venezia (IT)
Art Dialogue, Tovarna Umetnosti / Art Factory, Majšperk (SI)
6. Berliner Kunstsalon, Art Stays & Galerija FO.VI, Berlino (DE)
Art Bodensee, Galleria Bianca Maria Rizzi, Dornbirn (AT)
Art Karlsruhe, Galleria Bianca Maria Rizzi, Karlsruhe (DE)
London Art Fair, Galleria 3D, London (GB)
Baf, Galleria Bianca Maria Rizzi, Bergamo (IT)
Young, Fresh And New, Kro Art Contemporary, Vienna (AT)
Save The Children, Galleria Bianca Maria Rizzi, Conservatorio Di Milano, Milano (IT)

2008
Art Stays Open 08, Miheličeva Galerija, Galerija Magistrat, Ptuj (SI)
Atelier F, Accademia Di Belle Arti Di Venezia (IT)
Lineart, Kro Art Contemporary, Gent (BE)
St'art, Strasbourg, Kro Art Contemporary (FR)
Art Verona, Galleria Bianca Maria Rizzi, Verona (IT)
Art International Zürich, Kro Art Contemporary, Zurigo (CH)
Art Bodensee, Kro Art Contemporary, Dornbirn (AT)
Miart, Kro Art Contemporary, Milano (IT)
Arte Moderna E Contemporanea, Kro Art Contemporary, Roma (IT)
Art Innsbruck, Kro Art Contemporary, Innsbruck (AT)

2007
Biological, Kro Art Contemporary, Vienna (AT)
St'art, Kro Art Contemporary, Strasburgo (FR)
Art International Zürich, Kro Art Contemporary, Zurigo (CH)
Arte Firenze, Kro Art Contemporary, Firenze (IT)
Miart, Kro Art Contemporary, Milano (IT)
Vicenza Arte, Kro Art Contemporary, Vicenza (IT)

2006
Arte&Sud Obiettivo Contemporaneo, Castello Normanno Di Acicastello, Villa Fortuna, Acitrezza, Catania (IT)
Abitare I Confini, Forte Di Fenestrelle, Fenestrelle, Torino (IT)
Land(E)Scape, Facolta D'architettura Di Genova, Sala Delle Cisterne, Genova (IT)
Verdemateria, Filanda Di Salzano, Venezia (IT)
Democracy Of Enjoyment, 3. Berliner Kunstsalon, Berlino (DE)
Land(E)Scape, Galleria A+A, Venezia (IT)
Zbirka Tenzor, Miheličeva Galerija, Ptuj (SI)
Land(E)Scape, Pokrajinski Muzej Ptuj & Galerija FO.VI, Ptuj (SI)
Field Of Vision, Galerija FO.VI, Ptuj (SI)
Atelier F, Accademia Di Belle Arti Di Venezia, Venezia (IT)

2005
Q13, Hoolywood, Galleria Contemporaneo, Mestre, Venezia (IT)
Slovenian Place, 2. Berliner Kunstsalon, Arena, Berlino (DE)
Ibca, International Biennale Of Contemporary Art - "Berlin" Section, National Gallery, Praga (CZ)
51° Biennale Di Venezia, Accademia Di Belle Arti, Venezia (IT)
Atelier F, Accademia Di Belle Arti, Venezia (IT)

2004
Techne, Pittura_ricerca, Fondazione Bevilacqua La Masa, Palazzetto Tito, Venezia (IT)
Hicetnunc, In My Place – Halda, San Vito Al Tagliamento, Pordenone (IT)

2003
Atelier F, Accademia Di Belle Arti, Venezia (IT)

2001
Art House, Razstavišče Drama, Ljubljana (SI)
Pubblicazioni:
  • Jernej Forbici, In my place, Art Stays, Texts / Testi / Besedila: Alessandra Redaelli, Antonio Arevalo, Carlo Di Raco, Alenka Spacal, Alexandra Matzner, Marjeta Ciglenečki, 2011
  • Paesaggio con figure, Associazione Phanes, Texts / Testi / Besedila: Domenico Maria Papa, Torino 2010
  • Art Stays 2010, Art Stays, Ptuj, 2010
  • Halda. Dušan Fišer & Jernej Forbici, Galerija Fo.vi, Texts / Testi / Besedila: Dr. Marjeta Ciglenečki, Strnišče, Babšek, Šikole, 2010
  • Berliner Kunstsalon, Edmund Piper, Ed. Pinguin Druck, Berlin 2009
  • Atelier Aperti, 51° Esposizione Internazionale d'Arte, Accademia di Belle Arti di Venezia, La Biennale, Texts / Testi / Besedila: Gloria Vallese & Cristina Treppo, Ed. Marsilio
  • Biological, Silvia Kro, Kro Art Gallery, Wien 2007
  • Standing On The Edge, Kro Art Gallery, Texts / Testi / Besedila: Silvia Kro, Alexandra Matzner, Carlo Di Raco, Saltz Litho Druck Wien 2007
  • Land E scape, Art Stays & Newyorkriotokyo, A Touring exhibition about Landscape Ptuj, Venice, Genoa, Berlin and Tolosa, Galleria A+A, Texts / Testi / Besedila: Marika Vicari, Jernej Forbici & Kai Schupke, Venice, IT, 2006
  • L'Accademia di Venezia, i Maestri, le Collezioni, le Sedi, Curated by / Curato da / Kustos: Gloria Vallese, Texts / Testi / Besedila: Elisa Viola, Ed. Guide Marsilio, La Grafica & Stampe, Vicenza, IT, 2005
  • IBCA, International Biennal of Contemporary Art, National Gallery Prague, Curated by / Curato da / Kustos: Thomas Vlcek, National Gallery, Prague, 2005
  • Iz likovne zbirke Tenzor, Tenzor, Texts / Testi / Besedila: Stanka Gačnik & Vlado Forbici, Maribor, 2005
  • Jernej Forbici –nivojski Prostori, Curated By Pokrajinski Muzej Ptuj, Texts / Testi / Besedila: Stanka Gačnik, Repro studio Lesjak, 2005
  • Hollywood Q13, Catalogue Of The Show / Catalogo della mostra / Katalog razstave , Curated by / Curato da / Kustos: Matteo Rosso & Interno 3, Ed. Firma Gruppo Poligrafico, December 2005
  • Democracy of Enjoyment, Art Stays & Gallery 3D, 3. Berliner Kunstsalon, Berlin, Venice, 2005
  • Berliner Kunstsalon, Edmundpiper, Ed. Heraugeber Edit, Berlin 2005
  • Verdemateria, Curated by / Curato da / Kustos: Lucia Majer & Maurizio Paccagnella, Ed. Stampa Euroffset Maerna Di Martellago Venice 2005
  • Tecne Pittura-Ricerca, Curated by / Curato da / Kustos: Saverio Simi De Burgis, Fondazione Bevilacqua La Masa, Ed. Grafiche Veneziane, Venice 2004
  • Hicetnunc, Curated by / Curato da / Kustos: Comune di San Vito Al Tagliamento, Ed. Biblioteca dell'immagine, Pordenone 2004
  • Art Stays 2004, Curated by / Curato da / Kustos: Vladimir Forbici, Miheličeva galerija, Ptuj 2004
  • International Visual Arts, Workshop Art Stays 1, Gallery Tenzor, Ptuj 2003
  • In My Place, Galerija Tenzor, Texts / Testi / Besedila: Alenka Spacal, Ed. Tercia tisk, Ptuj 2003
  • Genesis, Galerija Tenzor, Texts / Testi / Besedila: Marjeta Ciglenečki, Ed. Tercia tisk, Ptuj 2002
Hanno scritto di lui:
Alessandra Redaelli, Antonio Arèvalo, Cecilia Maria di Bona, Daniela Croci Silvuni.
Alessandra Redaelli

Jernej Forbici. I fiumi di porpora

A pochi chilometri da Maribor, all'estremità nord orientale della Slovenia, c'è una cittadina che si chiama Kidricevo. Pochi la conoscono. Del resto è più che altro un centro industriale. Per la produzione di alluminio, per essere precisi. Il turista non ci capita nemmeno per sbaglio. Quel turista che da qualche manciata di anni ha scoperto nella ex Jugoslavia un piccolo paradiso a portata di mano, dove la natura possiede ancora qualcosa di selvaggio, il cibo è squisito e, per di più, la gente è anche particolarmente simpatica. Perchè mai dovrebbe preoccuparsi di una piccola città sperduta? Forse perchè, per qualcuno, questa piccola città potrebbe essere l'inizio della fine del mondo. Siamo al limite, dice quel qualcuno, sull'orlo del baratro. We are standing on the edge… E significativamente dipinge un quadro a cui dà quel terribile, apocalittico titolo. Già, perchè forse per lo smaltimento dei rifiuti tossici prodotti dalla fabbrica di alluminio non si è proceduto con tutti i crismi. E così la pianura tutto intorno si è trasformata, giorno dopo giorno, in una discarica a cielo aperto. Una discarica ad alto potenziale pericoloso. Una ricerca commissionata dalla NATO nel 2006 ha dato risultati sconvolgenti: la contaminazione era arrivata alla falda acquifera. Alle acque potabili. Una piccola catastrofe europea. Una delle innumerevoli piccole catastrofi di cui si finisce per perdere il conto. Figurarsi, anche l'incidente alla piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, che poco meno di un anno fa ha versato milioni di barili di petrolio nel Golfo del Messico, è stato digerito relativamente in fretta. E le immagini degli animali agonizzanti nel bitume nero hanno lasciato velocemente le prime pagine dei giornali per dare spazio ad altro. Niente di più che un pò di folklore ecologista, suvvia. Qualche scuotimento di testa, qualche pacato "in che mondo viviamo…", e poi si torna a puntare il termostato sui 23 gradi perchè, effettivamente, stare in casa in T-shirt è più comodo che col maglione.

[Leggi tutto]

Il pianeta che muore è una di quelle tragedie alle quali non si riesce a pensare. La maggior parte delle persone, almeno. Chi per puro e semplice egoismo, chi perchè quando ci pensa prova un tale senso di orrore e impotenza da non sopportarlo a lungo. Jernej Forbici, invece, ci pensa. Anzi, fa di più. Lui, nato a Maribor, a un passo dalla discarica micidiale, è un artista militante. Uno di quelli che non si accontentano di saper dipingere e di saperlo fare incredibilmente bene. Lui, dipingendo, racconta. Storie da fine del mondo. Chiamarlo paesaggista sarebbe terribilmente limitativo, eppure quelli che Forbici dipinge sono paesaggi. Una sequenza infinita di paesaggi intrisi di una malinconia che si potrebbe definire neoromantica. Una pittura materica, graffiata, sofferta, che tratteggia in pochi gesti l'orizzonte, la campagna coltivata, scorci di bosco e talvolta qualche scheletrico profilo di albero in lontananza, un accenno, quasi un'apparizione. I colori sono gli ocra delle colture mature, i verdi accesi, tenui, ombrosi, bruciati, i bruni. E poco cielo, in fondo a una prospettiva profondissima capace di precipitare lo spettatore verso l'infinito. Potrebbe essere l'idillio. Potrebbe. Se non fosse per quell'esplosione di rosso in primo piano. Infuocato, improvviso, violento come uno schizzo di sangue, il rosso assale lo spettatore a tradimento, lo lascia senza fiato, confuso e spaesato. E' l'orrore che spezza la quieta normalità. E' un fatto di cronaca che strappa il velo d'ipocrisia. E' la scena del crimine. Possiede il senso del sublime, Jernej Forbici. Ha imparato la lezione della pittura dell'Ottocento e su quella base si è costruito una poetica modernissima del paesaggio. Lasciata alle spalle la natura idilliaca, superato il concetto della natura matrigna, è arrivato alla lirica della natura morente. L'agonia del pianeta è descritta nei suoi dipinti senza clamore e senza rumore. Con toni pacati, in un linguaggio composto, elegantissimo. L'orizzonte rialzato gli permette di lasciare in secondo piano il cielo e di concentrare la sua attenzione sui terreni coltivati, il cui disegno artificiale diventa pretesto per complicati mosaici cromatici, per elegantissimi giochi di prospettive seguendo le linee segnate dall'aratro, per composizioni estremamente piacevoli allo sguardo. E così i colori incongruenti e velenosi che vengono ad inserirsi alterando l'armonia contengono la stessa dose di crudeltà di una cicatrice su un viso altrimenti perfetto. Nei dipinti di Forbici, l'assassino è già fuggito dalla scena del crimine. L'uomo è assente. Ne restano le tracce indelebili del passaggio proprio in quei campi coltivati, nell'ordine imposto e, infine, nella catastrofe. E viene il sospetto che quello di Forbici sia già un mondo "oltre", già fuori dal tempo umano. Un mondo disertato e lasciato al suo destino. Visti in sequenza, uno accanto all'altro, i dipinti sembrano momenti diversi di uno stesso evento ineluttabile. Il potere di quella prospettiva magnetica, ipnotica, si moltiplica nel ricorrere del soggetto. Quel potere che raggiunge il suo massimo nelle tele più grandi. Vedute immense che danno l'idea di potervi entrare, di poter seguire fino in fondo – sempre che un fondo ci sia – quei sentieri tortuosi proiettati verso l'orizzonte sterminato. Abilissimo nelle grandi dimensioni, Forbici non è da meno, tuttavia, quando lavora sul piccolo. Nei lavori 20x20 (addirittura 14x14) l'artista sembra paradossalmente scendere ancora più in profondità nel dettaglio. I colori sembrano farsi più accesi, colori allucinati, onirici. Anche i particolari appaiono più definiti. I laghi, i prati, le foglie, la spiaggia, i campi riarsi spaccati dal sole diventano oggetto di un'indagine minuziosa e appassionata. Già visti, forse, come reperti di un mondo perfetto destinato a un'inesorabile consunzione.

Antonio Arèvalo

Panoramica

La Panoramica (o panoramic mosaic) è la tecnica che permette di creare un'immagine che copra un ampio angolo visivo - tra 180° e 360° - tramite la composizione di un mosaico di foto adiacenti, in genere con lo scopo di visualizzare un panorama naturalistico o la vista di un ambiente in modo più simile a come viene percepita dal vivo. Jernej Forbici, artista attivo a partire della metà degli anni novanta, ha studiato le zone a rischio di un paesaggio che lui ha visto popolarsi lentamente, ottenendo un approccio assolutamente concettuale, nonostante la bellezza, a 360°. Ma per che è stato il paesaggio a volerlo.

Dietro alle pennellate di questi bellissimi dipinti c'è anche una denuncia per e contro l'uomo. Vengono evidenziati questi reciproci rapporti perchè la pittura non è un problema isolato, serve come mezzo articolato e preciso per definire l'immagine contemporanea. Questo è quello che ha caratterizzato il percorso di Jernej, ma il suo piano di lavoro non è soltanto questo, non si rinchiude in un'unica proposta. È a partire da un esame retrospettivo del concetto e delle avventure del realismo che l'autore riesce a chiarire l'ambiguità critica in cui si dibatte il significato stesso: "ogni realismo è diverso dalla realtà. Tuttavia è consigliabile, prima di parlare del realismo contemporaneo, porci degli interrogativi sulla modalità e la portata di ciò che oggi viene prevalentemente considerato come realtà. Non c'è rappresentazione della realtà senza il suo concetto, senza una visione almeno quotidiana di essa, senza l'esperienza e la concezione di tutto ciò che la realtà è per ogni epoca". Esercitare la critica mediante l'arte dipende dalla propria emancipazione personale, non garantita dalla società, e dalla capacità individuale di porsi tra l'identificazione impegnata nelle condizioni generali dell'esistente e la distaccata autoriflessione.

[Leggi tutto]

Jernej Forbici si addentra in questi paesaggi con un'attenzione alla più minima caratteristica attraverso una violenta espressività; strati su strati di pittura che stanno lì e ci tornano in mente come se volessero ossessionare la coscienza. Ci troviamo di fronte ad una scala diversa per misurarci col pianeta in cui viviamo, dove ognuno dovrebbe prendersi le proprie responsabilità. A prima vista è come se l'artista volesse far scaturire pittoricamente un percorso di land art, un'arte rovesciata verso il nostro sguardo. Una natura complessa, come qualcosa che ha sovrastato la stessa civiltà. Qualcosa che prima si presentava come un'incognita, un'invisibile minaccia per l'uomo che oggi viene sovrastata da lui stesso. Quello che vediamo attraverso queste piccole tele è una totale attenzione per ciò che ci circonda. Si estende la superficie le cui cime raggiungono il cielo, le valli, gli abissi e le grotte. Le grotte carsiche, i ghiacciai e le montagne, i laghi, i fiumi, le cascate, le foreste, le pianure, le sorgenti termali ed il mare.

I meli in fiore che trasformano l'orizzonte in un tappeto candido, le diverse tonalità di rubino e giallo, i boschi che raccontano. Queste immagini devono ritenersi un genere di ricerca che assomiglia a quello che può fare soltanto un chirurgo. Si tratta di rivelare la vera natura dell'uomo, del suo sviluppo, per abusare di un aforisma. L'artista ha identificato questo mondo sotterraneo dove affiorano ricordi di un percorso che sembra immaginato, ma che è scritto e che è storia. Che illustra un'immagine che richiama un idea, che a sua volta crea un'altra immagine. Secondo un ordine rigoroso, questi progetti di paesaggio, o meglio, di quello che resta del paesaggio - fiori e foglie secche, frammenti di terra bruciata quasi fossero i frammenti di un'impronta - stanno qui ad annunciarci che qui è passato l'uomo. Ma tutto ciò potrebbe essere controproducente invece, come natura vuole, lo spettacolo del meraviglioso vince sul tutto e la natura si riappropria della sua essenza che è bellezza, registrazione e resa per immagini di una condizione. Jernej Forbici è troppo attento al reale e soprattutto troppo propenso al paradosso per flirtare con parole d'ordine già codificate: nell'ambito della sua pittura queste parole riguardano certe sue soluzioni formali. Questo amore per l'immagine sconfina nella progressiva conquista che qui viene realizzata attraverso lo scorrere del tempo realistico e politico concretamente percorso. Senza indulgenza, Jernej analizza e intende mostrare un periodo della storia senza mostrarci semplicemente la condanna, vuole fare vivere il dramma, la sua grandezza fatta di contraddizioni, capace di far scaturire con calcolata immediatezza le più complesse ragioni di una poetica che riguardano l'arte, la natura e la sua storia.

Cecilia Maria di Bona

Tra cielo e terra, la bellezza della natura rivela la sua profanazione ad opera dell'uomo, nell'opera pittorica di Jernej Forbici

L'ispirazione originaria dell'opera pittorica di Jernej Forbici, come in Fontamara di Ignazio Silone, è un'alta testimonianza che l'artista rende delle disperate condizioni di vita dei poveri, da sempre esposti nella storia ai soprusi dei potenti e privati anche dell'acqua, vera fonte di vita, indispensabile alla loro sopravvivenza. Se, nel romanzo di Silone, ad essere defraudati dell'acqua, necessaria all'irrigazione dei loro piccoli poderi dai quali traevano il sostentamento, per loro e per le loro famiglie, sono i contadini poveri di un paesino della Marsica, nell'opera pittorica di J. Forbici l'evento fondatore, all'origine dell'ispirazione stessa della sua arte, è la contaminazione della falda acquifera dell'intera zona di Maribor, nel nord-est della Slovenia, con le scorie non eliminate di un'industria dell'alluminio. Nel romanzo di Silone, quando i fontamaresi si rendono conto di essere stati imbrogliati e defraudati del bene più prezioso da un 'galantuomo' - il quale, grazie all'appoggio del regime fascista, era riuscito a farsi nominare sindaco del borgo - vanno in frotte a parlare e a protestare presso l'abitazione dell'impresario, tentando di persuaderlo a lasciare loro l'acqua. Essi, oltre a vedersi respinte le loro sacrosante richieste, saranno affamati da compensi più bassi, e alcuni di loro perseguitati.

E, negli ultimi capitoli del romanzo, si racconta che il regime mandò la milizia a sterminare la popolazione. Solo Berardo Viola, l'uomo più coraggioso, cercò di reagire, lasciando il suo paese per cercare un lavoro altrove che gli consentisse, un giorno, di ritornare a casa e di sposare la sua innamorata Elvira. L'esilio di Berardo gli farà scoprire che, fuori del suo piccolo paese, quella stessa trama di potere e di cinismo domina, sia pur sotto altre spoglie, il mondo, e questo farà maturare in lui, povero e ignorante contadino della Marsica, la coscienza profonda della necessità di combattere le ingiustizie e di schierarsi contro il regime. Anche Jernej Forbici, negli anni dell' 'esilio' dal suo piccolo paese, ha compiuto un cammino di formazione artistica che gli consentisse di potenziare i suoi strumenti espressivi per dar voce ad un'appassionata, quanto vitale e cruciale, difesa della natura, il bene più prezioso per tutti poichè da essa tutti noi, pur non avendone piena e costante consapevolezza, traiamo il nostro sostentamento. Anche Jernej, come Berardo, ha resistito allo scoraggiamento e alla resa per reagire alle ingiustizie e alla devastazione del pianeta. Egli, con la sua pittura, sembra volerci dire: non stancatevi mai di contemplare la bellezza della natura, della natura com'era, come in alcuni luoghi è ancora; lasciatevi soggiogare dal suo fascino, dal suo manto iridescente di colori; riconoscetevi, immergendovi in lei, una docile fibra dell'universo…

La pittura di Forbici affronta con una maestria raffinata e antica, sofferente ma evocatrice della bellezza originaria - e in questo senso consapevole di tutta la tradizione pittorica del paesaggio - la necessità di preservare le condizioni di vita sul pianeta, e lo fa mostrandocene la struggente bellezza. Egli ci ricorda come un'attenzione all'ecologia sia di vitale importanza, poichè la visione ecologica guarda alla vita nel suo complesso come a un'armonica unità, ricordandoci come non si possano e non si debbano concepire quali dimensioni separate la vita del pianeta e quella degli esseri umani. Egli ci rammenta che già nella visione sapienziale arcaica delle civiltà, come raccontano tutti i poemi mitologici antichi e antichissimi, la Bibbia, la mitologia greca (Le opere e i giorni di Esiodo), il babilonese Gilgamesh, il l'induista Bhagavadgita, il buddista Dhammapada, per citarne solo alcuni, e fino ai nostri giorni –nella preziosa e sconosciuta eredità della cultura dei cosiddetti popoli primitivi, tra i quali ricordiamo ad esempio quelli dello stato di Roraima nel cuore dell'Amazzonia brasiliana – centro e bellezza del pianeta è l'essere umano che vive immerso nella natura. E tuttavia, occorre ribadire con forza come oggi molte, troppe volte, i governi e le potenti industrie, nazionali e multinazionali, non tengano conto di questi aspetti, ignorando o reprimendo l'emergere delle più elementari esigenze delle popolazioni più povere e vulnerabili. L'arte di Forbici si propone di risvegliare, in tutti coloro che ammirano la bellezza della natura nelle sue tele, l'attenzione ai temi ambientali.

[Leggi tutto]

L'artista sloveno ricorda a tutti noi, nella nostra vita quotidiana, dobbiamo acquisire una coscienza ecologica che ci induca a diminuire i consumi, e ad osservare alcune regole che implichino meno sprechi delle nostre fonti di sostentamento e dei beni preziosi come l'acqua, bene di tutti (tema di scottante attualità, la sua privatizzazione, nel nostro Paese). L'obbiettivo di ogni educazione ecologica è quello di far crescere la nostra consapevolezza dei rischi di un riscaldamento globale con relativi cambiamenti climatici, e di mettere a disposizione di una larga fascia della popolazione gli strumenti per la formazione di una coscienza autenticamente ecologica, promuovendo riflessioni, mostrando la gravità della situazione e l'urgenza di interventi, denunciando i disastri ambientali ed annesse responsabilità. Per realizzare questo, occorre che alcuni si rendano testimoni presso la comunità dell'importanza cruciale della battaglia per la difesa del pianeta. Ora, chi meglio dell'artista, con le carismatiche armi della pittura, può compiere quell'opera di educazione della popolazione in difesa della vita sul nostro pianeta?

FQ

Il giovane sloveno è cresciuto, ha appreso l'arte della pittura, oltre che nel suo paese d'origine, in una delle città più belle del mondo, ma non ha dimenticato il suo paese, l'aspra bellezza della sua terra, la povertà della sua gente, gli effetti della contaminazione dell'acqua. Alta, nobile missione, la sua, e sempre assolta con straordinaria maestria : lo sguardo è rapito dall'incanto del paesaggio che si perde all'orizzonte con il suo degradare di scale armoniche di colori, di forme che si declinano in mille richiami timbrici e che tessono un disegno, una trama di luce e di bellezza, per poi essere, violentemente e repentinamente, trascinato nell'angoscia provocata dalle sue devastazioni che irrompono come un cancro, in primo piano, come un rigurgito di detriti rovinati da forze primordiali; queste stesse forze, che erano sopite da millenni, stanno per risvegliarsi, e questa volta scatenate dalla mano dell'uomo. Nelle tele che mostrano la bellezza della natura, ecco aprirsi delle voragini, nel gorgo delle quali potremmo essere tutti risucchiati; ecco il proliferare di una genia sinistra di microorganismi alterati; ecco ramate, fosforiche, inflorescenze, come allucinanti parvenze di fiori, fuoriuscire dall'acido di un bagno chimico, ecco profilarsi, all'orizzonte, quei cataclismi che dobbiamo tutti scongiurare, perchè, come lo sterminator Vesevo, ci travolgerebbero come fuscelli. La pittura di Jernej Forbici è la coscienza che veglia, e, al tempo stesso, tutta l'arte che svela l'incanto della vita che risorge, che si rigenera, che perdura e resiste ad ogni furia devastatrice. La pittura di Jernej Forbici è come La ginestra, il fragile, intenso, dorato, profumato fiore, che sfida la potenza distruttrice del vulcano, continuando, ogni primavera, a fiorire sulle sue pendici. Che splendore l'armonica policromia dei campi coltivati che i raggi dorati e radenti del sole rivelano e che fanno cantare come uno strumento dai molti colori degradanti in scale cromatiche ardite e sempre nuove, e che danno, per un momento, l'illusione della campagna selvatica dei secoli passati ma, all'improvviso, sulla geometrica scacchiera, irrompe l'aritmia di un sole malato, di un anello della maglia che non tiene più, che è saltato invano cercare di riannodarne i fili, di ricostituirne la trama antica e sapiente: essa è stata infranta per sempre e l'uomo non vi si riflette più con le sue speranze e le sue illusioni.

In Blury Future, l'infinita poesia lagunare degli acquitrini nelle cui acque si riflettono i rami degli alberi, i cespugli, e che sono pieni di anfratti, di nicchie buie, di microcosmi mormoranti che si richiamano e che si duplicano nel loro riflesso a perdita d'occhio, è devastata in primo piano da sinistre chiazze sulfuree….. che lasciano presagire che stia per affiorare qualcosa di velenoso.

In Standing on the edge hoping everything's not lost..., la conflagrazione è già in atto, come mettersi in salvo? Con quale coraggio sperare che non sia tutto perduto ? Il paesaggio rurale, frutto di secoli di lavoro dei contadini nei campi, curvi sull'aratro , sulla zappa, nella semina, nel raccolto è già stato travolto, ha perso e per sempre il suo tratto umano… si avvia ad essere del tutto disabitato.

In Parasite Evolution, la putrefazione avanza, tutto ne è infettato, tutto manda sinistri artificiali bagliori; in primo piano proliferano colonie di strani microorganismi.

In What lies beneath, la verità affiora, rompe gli argini e dilaga, essa non è più occultabile ; rimane il rimorso per quello che potevamo fare e che non abbiamo fatto.

In How the west was won and where it got us, il tono è amaramente ironico, paradossale nel suo esito: gli uomini non sono consapevoli di quanto siano ingannevoli alcune conquiste, presuppongono di godere per sempre di ciò che credono di possedere come se fosse una cosa, ma come si illudono...noi conserviamo solo ciò che, con umiltà e saggezza, impariamo ad amare e a rispettare.

Daniela Croci Silvuni

Ci sono casi in cui l’arte parla il linguaggio di chi ama ed ha paura di non essere ascoltato. E’ l’arte di chi ha fatto e continua a fare della sua vita motivo ed occasione per attingere energia. Tutto questo per donarla all’unica causa veramente universale, la salvezza del pianeta. La personalità artistica dello sloveno Jernej Forbici appartiene a questa categoria. Forbici dedica la sua ricerca all’indagine, all’osservazione profonda della natura violata e lo fa con un impegno quasi da militanza politica, consapevole che la forza del suo linguaggio è tale da farsi ascoltare. Le sue opere hanno un che di sublime, di affascinante. Ci conducono dentro infiniti spazi oltre i quali altri luoghi - non visibili, ma chiaramente percepibili - si dipanano sotto cieli dai colori imprevedibili. Un viaggio che si potrebbe definire entusiasmante, ma in cui si percepisce la presenza di un’atmosfera nascosta, di strisciante timore. Un po’ come avviene quando si assiste a rappresentazioni inquietanti e una musica soave ci sospende emotivamente e ci toglie il fiato. Anche Forbici possiede la meravigliosa capacità di tenere in equilibrio l’osservatore tra attrazione e repulsione, tranquillità e dubbio. Vastissimi paesaggi composti con la sicurezza di chi è totalmente padrone delle sue capacità. Mai un’incertezza prospettica, mai timori deferenziali nei confronti delle grandi superfici dipinte. L’artista sembra aggredire gli spazi a cui dà voce e vita. La maturità che Forbici dimostra va ben al di là dei suoi trentadue anni. E’ quella di chi, dotato di sensibilità superiore, sa arrivare all’essenza delle cose. E’ la sensibilità, in questo caso, che diventa esperienza. E che si somma alla capacità di capire e di scavare la superficie della realtà. Esattamente come la superficie dei suoi quadri appare scrostata ed incisa a mostrare le verità profonde. Nell’osservare un’opera di Jernej Forbici si è portati a riflettere sull’assenza umana. La figura dell’uomo non è mai rappresentata. Ciò che balza allo sguardo è il suo agire scellerato e il dipinto diventa, dunque, giudizio e condanna al suo operato. Forbici non cancella però la speranza. Un fiore, una luce azzurra, là in fondo all’orizzonte, ci restituiscono ottimismo, ci raccontano che la natura ha in sé risorse ancora da spendere e rigenerabili in nuova vita.

opere dell'artista